martedì 27 giugno 2017

L'emigrazione dei nostri giovani migliori è un delitto per il futuro dell'Italia

Italia regala il bene più prezioso a Germania e Inghilterra. Ecco i numeri del disastro.

La preparazione di un Ingegnere o un medico italiano costa circa 300.000  Euro (stato + famiglia) . Quella di un diplomato circa 150.000 Euro.  E’ l’investimento più alto per una famiglia e per lo stato. 
E’ l’investimento sul nostro futuro.

La settimana scorsa i Consulenti del Lavoro hanno pubblicato un ottimo rapporto dal quale si evince che “Un esercito di 509.000 connazionali si è cancellato dall'anagrafe per trasferirsi all'estero per motivi di lavoro nel periodo 2008-2016”. 



Una ricerca sulle emigrazioni stima che oltre il 60% degli italiani che emigrano sono diplomati o laureati.  I primi tre paesi verso cui i nostri connazionali si dirigono sono nell'ordine Germania, Inghilterra e Francia.
Stimiamo per difetto che i laureati italiani emigrati siano 120.000 e che i diplomati siano 185.000 con un rapido calcolo è possibile stimare che negli ultimi 8 anni l’Italia abbia “regalato” o meglio trasferito all’estero un investimento di circa 64 Miliardi di Euro. Il numero di per se è già enorme, ma non è nulla se consideriamo che stiamo letteralmente regalando all’estero il nostro futuro.  Nel 21° secolo lo sviluppo di una nazione dipende soprattutto dalla sua capacità di innovare e di gestire la complessità. Quale futuro può avere un paese che spesso vede i suoi giovani migliori portare all’estero idee, imprenditorialità, capacità di lavoro? Su cosa costruiremo l’Italia del domani? La costruiremo sui pensionati e le loro badanti? La costruiremo sui giovani senegalesi e nigeriani che servono per ridurre di qualche euro  il costo del lavoro dequalificato? Pensiamo veramente sia possibile fare concorrenza sul prezzo a cinesi e indiani?
Per tanti anni ho diretto un centro che specializzava i migliori diplomati e laureati e li collocava nelle imprese, soprattutto emiliane e lombarde. Studiavamo i loro percorsi dopo anni di lavoro: spesso diventavano gli elementi portanti delle aziende dove erano stati inseriti. Fino a 10 anni fa ci preoccupavamo di attirare da altre regioni e dall’estero giovani con un ottimo CV universitario per specializzarli e inserirli nel nostro tessuto produttivo. Ho personalmente organizzato percorsi di integrazione con le Università Inglesi, ma l’obiettivo era mandarli all’estero per qualche mese per acquisire ulteriori conoscenze, che poi avrebbero portato qui nelle nostre imprese meccaniche, alimentari o dell’abbigliamento. 
Smettere di offrire ai nostri giovani diplomati e laureati un percorso di lavoro in Italia è l’errore più grande che il nostro paese possa compiere. Stiamo letteralmente svendendo il nostro futuro insieme ai nostri giovani, ai nostri figli e nipoti.
Per invertire il processo non servono ridicoli incentivi per il “rimpatrio dei cervelli”.

Servono:
  1. la fine dell’austerità imposta da una UE a guida tedesca che tratta l’Italia come un paese satellite da cui attingere subforniture e ora, anche ottimi lavoratori della mente; 
  2. far ripartire il credito alle PMI; 
  3. una politica industriale
  4. forti investimenti in innovazione di prodotto e di processo.

Questa deve essere la nostra Linea del Piave. Se la UE non ci permette di fare queste azioni, allora questa UE (per al quale ho lavorato tanto) diventa un vecchio arnese inutile.

26 Giugno 2017

Primo Gonzaga

Bibliografia